Un guaio che non è stato preso in esame

€ 8.00

pp. 100 formato 10,5x18

Anno 2014

ISBN 978-88-6032-281-4

Poesia

Condizioni di vendita

Leggi l'anteprima

Emma Pretti

Un guaio che non è stato preso in esame

Più che una raccolta poetica tradizionale, ci troviamo di fronte a un’esplorazione di confini. Nei contenuti dei testi, l’autrice si volge a scandagliare il limite, la demarcazione tra l’esistenza e la non-esistenza – che non consiste nella morte, ma nella mancata partecipazione alla vita e alla sua caleidoscopica vertigine, l’assenza di coraggio nell’affrontarne il peso, la forza, così come l’incapacità nell’abbandonare le direzioni sbagliate, i vicoli ciechi. Gli argomenti traggono sostegno da un’espressività che è anch’essa un’indagine, e allo stesso tempo una fusione e un superamento dei generi, e più specificatamente, del margine tra la prosa e la poesia, nel tentativo di raggiungere una formula «né familiare né antica, ma elegante, maestosa, distinta dal dire comune» (Giacomo Leopardi) – e con Leopardi d’accordo nel ritenere che «Una lingua non è bella se non è ardita, e in ultima analisi troverete che in fatto di lingua, bellezza è lo stesso che ardire…».

Il primo libro de' Reali

Cristoforo l'Altissimo

Il primo libro de' Reali

Prospettive incrociate

Della Casa, Bauer

Prospettive incrociate

Le forme del comico

Magherini, Nozzoli, Tellini

Le forme del comico