Riverberi. Improvvisi e strambotti

€ 8.00

pp. 76 formato 10,5x18

Anno 2015

ISBN 978-88-6032-330-9

Poesia

Condizioni di vendita

Carlo Cantagalli

Riverberi. Improvvisi e strambotti

Amo presentarmi da solo ai Lettori. Dopo il mio primo libro di Riverberi, dove i sonetti rappresentavano le mutazioni del tempo con le sue realtà di sogni e illusioni, ecco l’edizione di questo secondo libro di Riverberi dove il riflettore viene puntato questa volta sulle immagini disordinate del tempo che ormai ha perduto il suo fascino onirico per restare ancorato a una ferrea e sconcertante realtà.
Quello che mi resta sono quindi lampi di immagini raccolte a cominciare dalla più tenera età per arrivare ai giorni d’oggi, immagini custodite gelosamente nella memoria per essere poi dischiuse nei brevi tratti di un disegno poetico. Poesie brevi, come la realtà sfuggente, forse poesie anche troppo brevi e lapidarie, tanto basta però per cercare di descrivere questo mondo effimero e superficiale, nel quale i vecchi sogni, tanto cari a certi poeti, si liquefanno nella realtà abnorme e grottesca, quasi infantile ma inconsciamente tragica e immobile, nel suo apparente trasformismo, da meritare stupore, ironia e compassione.
Per coloro che ancora si interessano di metrica, informo che gli improvvisi, per il fatto di essere tali, non possono obbedire a schemi predefiniti cari alla poesia classica; gli strambotti invece ricalcano il discorso metrico prestabilito, anche se, per alcuni di essi, ho fatto ricorso al verso tredecasillabo, scarsamente adoperato nella nostra poesia.
(Carlo Cantagalli)

24/04/2015
«Dialogo sulla poesia»

Piccole recensioni

di Tiziana Curti


Le forme del comico

Magherini, Nozzoli, Tellini

Le forme del comico

Poesie d'amore

Michele Marullo Tarcaniota

Poesie d'amore