La fatica di un uomo solo

€ 16.00

pp. 220 formato 17x24

Anno 2007

ISBN 978-88-6032-028-5

Condizioni di vendita

Anno 2007

ISBN 8860320283

acquista su Casalini libri

Antonella De Nicola

La fatica di un uomo solo

Sondaggi nell'opera di Luciano Bianciardi traduttore

Era il 1962 quando Luciano Bianciardi (Grosseto, 1922 - Milano, 1971) pubblicava il romanzo La vita agra e contemporaneamente dava alle stampe la traduzione delle 672 pagine di Tropico del Cancro e Tropico del Capricorno di Henry Miller. Il successo come narratore lo travolse, eppure, nonostante i consensi della critica, non smise mai di tradurre. Fino al 1971, quando ancora uscivano in italiano testi di autori come William Faulkner, Bianciardi diede voce a circa 140 opere con un lavoro ai limiti delle proprie possibilità. Ed ora, a 35 anni dalla morte dello scrittore, ci si interroga sui motivi sottostanti il suo impegno come traduttore, inevitabilmente condizionato dalla sua straordinaria e camaleontica verve di narratore.

È grazie alle teoria di studiosi come George Steiner, Paul Ricoeur e Antoine Berman, che è oggi possibile decostruire la figura di Bianciardi-traduttore, e finalmente comprendere le contaminazioni tra le opere tradotte e quelle create di propria mano. E capire così quel che egli stesso definì “un lavoro da artigiano”, un lavoro in cui, a parte la macchina, il resto è semplicemente “fatica di un uomo solo”.