Il Vitruvio magliabechiano

La traduzione del «De architectura». Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, ms. II.I.141

Francesco di Giorgio Martini (1439-1501) traduce per primo, quasi interamente, il «De architectura» di Vitruvio in una serie di carte che costituiscono il suo autografo più importante (ms. II.I.141 della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze). Nella versione elettronica interrogabile, il testo si trasforma in una ricca miniera del lessico tecnico architettonico della fine del Quattrocento.