Sacrosante parole

€ 18.00

pp. 256 formato 16x24

Anno 2014

ISBN 978-88-6032-285-2

Studi

Condizioni di vendita

Anno 2014

ISBN 9788860322951

Studi

acquista su Casalini libri

Marco Villoresi

Sacrosante parole

Devozione e letteratura nella Toscana del Rinascimento

Per rintracciare e far emergere i singolari legami tra devozione e letteratura, Firenze e la Toscana del Rinascimento risultano essere uno spazio territoriale e cronologico ideale, peraltro contraddistinto dalla presenza di grandi personalità religiose (sant’Antonino, san Bernardino da Siena, Savonarola ecc.). In particolare, sono gli anni della cripto-signoria medicea (1434-1494) a offrire una documentazione di rilievo, sia sul piano quantitativo che, talora, su quello qualitativo. Episodi di cronaca spirituale e di esperienza e pratica di culto favoriscono la creazione di testi di varia natura, specie in lingua volgare: laudi, sacre rappresentazioni, poemetti agiografici, rassegne di miracoli, celebrazioni di sacre reliquie ecc.
Si tratta di un patrimonio ricchissimo e in gran parte trascurato, se non sostanzialmente negletto, dalle nostre storie letterarie: un patrimonio che, però, oltre a farci rileggere opere che recano firme di pregio della poesia italiana – si pensi a un Lorenzo de’ Medici o a un Luigi Pulci –, consente di porre alla ribalta alcuni scrittori, come Feo Belcari e Castellano Castellani, come Lorenzo d’Albizo e Bernardo Giambullari, meritevoli di maggiore attenzione critica, invitandoci, infine, a fare la conoscenza di curiose figure di mestieranti, di improvvisatori e improvvisati compositori di rime, che pure seppero compiacere una larga parte del pubblico rinascimentale.

Chiesa di S. Bartolomeo a Monte Oliveto via Monte Oliveto Firenze 16.30

Firenze - Devozione e letteratura nella Toscana del Rinascimento


Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze Sala Michelangelo p.zza Cavalleggeri, 1 Firenze 17.00

Firenze - Sacrosante parole


01/07/2015
«Rivista di storia e letteratura religiosa, LI, 2015/2»

Sacrosante parole

di Michele Lodone


30/04/2014
«La Repubblica Firenze»

Marco Villoresi, parole tra devozione e letteratura

di Gaia Rau