Aforisti italiani del Settecento

€ 14.00

pp. 296 formato 16x24

Anno 2006

ISBN 9788887048803

Quaderni Aldo Palazzeschi, nuova serie

Condizioni di vendita

Francesca Mecatti

Aforisti italiani del Settecento

Pensieri al crocevia della modernità

Pensieri mondani, massime erudite, note scientifico-letterarie, precetti morali, motti, riflessioni private, elzeviri, lunari, gustosi raccontini: sono solo alcune delle varietà in cui si propone la prosa aforistica nell'età dei Lumi.

Nel secolo che più da vicino prepara la modernità, scrittori e uomini di cultura si dedicano a questo genere con rinnovato interesse, fissando nella forma breve la propria vicenda umana e intellettuale oltre che un'efficace rappresentazione della realtà.

Algarotti, brillante conversatore, viaggiatore inquieto, cultore delle scienze e delle arti, mette su carta le sue osservazioni quando il presagio della morte si fa più vicino, mentre Francesco Maria Zanotti, maestro del «contino» veneziano, riprende la tradizione educativa della prosa morale, dedicandosi alla mediazione culturale fra antico e moderno. Tormentato dal rovello dell'autoanalisi anche mentre legge Bacone, Cesare Beccaria saggia nella prosa aforistica la risolutezza dello stile giuridico e il coraggio di idee novatrici. E infine il combattivo e spregiudicato Pietro Verri alterna nelle sue pensées la più squisita sensibilità della confessione autobiografica, il lieve umorismo e il pungente sarcasmo.

01/04/2007
«Studi e problemi di critica testuale»

di Gino Ruozzi


01/12/2006
«La rassegna della letteratura italiana»

di Elisabetta Benucci


17/03/2006
«Gazzetta del Sud»

Parole e pensieri in libertà prima del voto

di Dino Basili